giovedì 29 settembre 2011

Giorni di follia... presidenziali!

Il Presidente della Provincia di Chieti Enrico Di Giuseppantonio nuovo lettore del romanzo di Igor Baldacci.

Il Presidente Enrico Di Giuseppantonio entra a far parte degli ormai numerosi lettori di "Giorni di follia. Presenze inquietanti a Pescara", il romanzo-evento di Igor Baldacci (www.giornidifollia.it).

Il romanzo, ormai giunto alla terza ristampa dopo oltre 15 anni dalla sua prima uscita, continua a riscuotere successi, e aumentano i "lettori illustri" del racconto.

Un mio personale grazie di cuore al Presidente Enrico, che si è dichiarato entusiasta della lettura ed è stato subito "rapito" dal racconto.




martedì 19 aprile 2011

Prolungata la promozione


Grazie al continuo interesse dimostrato, l'Autore ha deciso di prolungare la promozione di vendita. Lo speciale sconto del 10% sul prezzo di copertina continua ancora!


Grazie ancora a tutti del continuo interesse e di tutti i complimenti che continuo a ricevere quotidianamente... quasi quasi ricomincio a scrivere il seguito....

giovedì 24 marzo 2011

Il Municipio di Pescara. Era veramente necessario entrarci?



Tutto era cominciato con quella maledetta nuovale verde che aveva ricoperto ogni angolo della citta. E quando l'inferno era scoppiato, la nuovola gassosa che non aveva mai smesso di aleggiare su ogni casa e in ogni strada ormai vuota si era trasformato in qualcos'altro. Qualcosa che aveva fatto del cielo sopra di noi un ammasso compatto che era semplicemente impossibile descrivere.



Sembrava come se quel verde solido avesse congelato ogni cosa sopra e sotto le nuvole, rendendo l'orizzonte come un lenzuolo spiegazzato e appallottolato pronto a cadere come un unico blocco. Il cielo era semplicemente sparito, e l'alone di mistero solido che aveva paralizzato ogni cosa sembrava indicare una sola direzione. Il Municipio di Pescara.

Il segnale era chiaro, non poteva essere ignorato. Ecco perchè dovevamo entrarci. Le risposte, forse, erano tutte lì dentro.

giovedì 10 marzo 2011

La verità sui serbatoi Di Properzio a Pescara

I serbatoi Di Properzio fatti saltare in aria?



Creare un diversivo. Occorreva creare un diversivo per permetterci di entrare nel Municipio e finalmente capire cosa si nascondeva al suo interno.
Tutte le tracce portavano dritte lì, e nel destino di tutti noi c'era scritto che solo all'interno del Municio di Pescara avremmo trovato la risposta a tutte le nostre domande. Era come se il filo invisibile che ci legava insieme tirava senza sosta per spingerci in quel luogo infestato di Finali.

Dovevamo entrare e non c'era altro modo di farlo se non facendo saltare in aria i serbatoi di Di Properzio pieni di benzina. L'inferno di fuoco e fiamme che ne sarebbe scaturito li avrebbe distratti e noi avremmo potuto finalmente fare i conti con il Male in persona.

E fu proprio così... ecco perchè i serbatoi non esistono più a Pescara!


giovedì 3 marzo 2011

Incredibile ondata di accessi al sito


Aumenta l'interessa verso il libro. Il sito ufficiale del libro (http://www.giornidifollia.it/) registra in questi giorni un'incredibile aumento delle visite giornaliere.

E l'autore vuole premiare con questa iniziativa speciale i nuovi lettori che si affacciano per la prima volta nell'incredibile universo di Giorni di Follia: per tutto il mese di marzo, eccezionalmente, il libro viene venduto con uno sconto del 10% sul prezzo di copertina.

E grazi a tutti per il loro crescente interesse. Ci vediamo su http://www.giornidifollia.it/!




sabato 26 febbraio 2011

Giorni di follia.
Presenze inquietanti a Pescara.


La città deserta, le strade vuote e silenziose. Le case abbandonate. Questo il macabro scenario che si presenta a tre ragazzi appena rientrati a Pescara dopo il campeggio. Proiettati inspiegabilmente in una dimensione surreale che ha dell’incredibile, Anto, Igor e Rino si trovano presto ad affrontare una realtà sconosciuta dalla quale sembra non esserci scampo. Per sopravvivere e liberare la città dalle forze maligne che l’hanno invasa, i tre amici sono costretti ad affrontare una serie di inspiegabili situazioni che li porterà sempre più vicini alla follia.
Una follia dalla quale sarà difficile sfuggire...

Giorni di Follia da oggi diventa blog.

Perchè la storia continua a coinvolgere. Perchè chi l'ha letta è stato catapultato in un mondo che non ha mai più dimenticato. Perchè le presenze, sempre più inquietanti, non sembrano ancora sazie. Ma soprattutto perchè non è ancora finita. Tutto deve ancora accadere. A Pescara. Inorno a noi. Intorno a voi! (Igor Baldacci)